label_artisti

label_numero_risultati: 143

Sebastiano Conca

Sebastiano Conca

Nato a Gaeta nel 1680, si trasferì a Napoli attorno al 1690 ed entrò nella bottega di Francesco Solimena. Nel 1706 si trasferì a Roma, dove subì l’influenza del classicismo accademico di Carlo Maratta. La sua prima opera di carattere pubblico è la Madonna del Rosario in S. Sabina, eseguita per il cardinale Ferrari nel 1714.
Sergio Romiti

Sergio Romiti

Sergio Romiti nasce a Bologna nel 1928. Nel capoluogo emiliano trascorrerà tutti i suoi anni, in una condizione di appartatezza con il trascorrere del tempo vieppiù pervicacemente cercata, per la quale fu apparentato a Morandi.
Silvestro Lega

Silvestro Lega

Silvestro Lega (Modigliana 1826 - Firenze 1895) è, assieme a Giovanni Fattori, tra i più decisivi protagonisti dell’arte italiana d’Ottocento. Attivo a Firenze e sodale dei macchiaioli toscani, il romagnolo Lega occupa tuttavia un posto del tutto originale.
Silvio Lacasella

Silvio Lacasella

Silvio Lacasella nasce a Trento nel 1956. Si stabilisce presto a Vicenza, dove oggi vive e lavora. Dal 1977 alla fine degli anni Ottanta si dedica, su impulso principale di Tono Zancanaro, all’incisione, tecnica nella quale diviene, attraverso una pratica assidua che lo conduce a compiere quasi 350 lastre, uno dei maestri italiani della nuova generazione.
Tancredi Parmeggiani

Tancredi Parmeggiani

Tancredi Parmeggiani nasce a Feltre nel 1927. Compie i primi studi in un collegio tenuto da padri salesiani a Belluno, quindi a Venezia nel ’46 s’iscrive all’Accademia. Nel ’47 è a Parigi, dove completa la sua formazione, sedotto da Kandinsky e da Wols, e disinteressato invece ai linguaggi neo-cubisti, che attirano quegli anni molti suoi colleghi italiani.
Telemaco Signorini

Telemaco Signorini

Telemaco Signorini (Firenze 1835 – 1901), “figlio d’arte” – il padre era pittore – frequentò l’Accademia a Firenze, lasciandola tuttavia nel 1855, insoddisfatto dell’insegnamento tradizionale, per unirsi al gruppo dei macchiaioli.
Ubaldo Oppi

Ubaldo Oppi

Ubaldo Oppi (Bologna 1889-Vicenza 1942) non ancora ventenne si reca a Vienna, dove compie la propria formazione. Qui incontra Gustav Klimt, ossia uno dei più significativi esponenti dell’Art Nouveau, al quale aveva dato il proprio apporto segnato da influenze del preraffaellismo inglese e del simbolismo francese, Moreau in primo luogo.
Umberto Mastroianni

Umberto Mastroianni

Nasce nel 1910 a Fontana Liri (Frosinone), da un'antica famiglia arpinate che conta nei suoi rami diversi artisti. Il più noto è Marcello, celebre attore amico di Fellini e di tanti altri registi italiani e stranieri. Scultore è lo zio Domenico da cui apprende a Roma i primi rudimenti.
Vincenzo Gemito

Vincenzo Gemito

Vincenzo Gemito (Napoli 1852 – 1929) si forma nella bottega dello scultore accademico Caggiano, che lasciò ben presto. Ebbe sodalizio con Antonio Mancini nell’ambito della comune inclinazione verso un’arte verista.
Vincenzo Malò

Vincenzo Malò

Il pittore fiammingo Vincenzo Malò, nato a Cambrai nel 1606, si trasferì ben presto in Italia per perfezionarsi nell’arte, attratto, come molti suoi connazionali, dalle favorevoli opportunità lavorative garantite da tale esperienza. La sua presenza a Genova dovrebbe collocarsi a partire dal 1625 circa e sino a tutti gli anni Trenta del XVII secolo, anche con sporadici viaggi in altri centri della penisola.

label_ricerca

label_filtra

label_categorie

  • Secolo