Salta al contenuto
Luca Carlevarijs, Capriccio italiano
Tipologia
Dipinto
Soggetto
Paesaggio
 
 
 
Cronologia
primo decennio del XVIII secolo
Materia e tecnica
Olio su tela
 
 
 
Misure
cm. 86 x 32
Compilatore
Alessandro Zuccari
 
 
 
Descrizione
Questa suggestiva composizione di Carlevarijs, ravvivata da dinamiche figurette, mostra un paesaggio brullo e roccioso che ospita una serie di torri e la singolare struttura di un  ponte fortificato, sul quale transitano alcuni cavalieri. Si tratta di un rudere merlato che, per la sua forma e per la presenza di uno stemma pontificio, ricorda il Ponte Nomentano, alle porte di Roma. Oltre un corso d’acqua appare un centro urbano, con edifici ingentiliti da loggiati che richiamano architetture del Rinascimento italiano. In primo piano è raffigurato un porto fluviale, con rozze imbarcazioni e numerosi facchini, nel quale si sta predisponendo un carico di merci.
L’artista udinese, autore di celebri vedute urbane, presenta in questo dipinto un esempio di fusione tra il paesaggio classico e il capriccio architettonico, allora diffusa in ambiente veneto, nella quale la veduta è pensata e allestita quasi come una sorta di scena teatrale. Questo genere di pittura, successivamente praticata anche da Canaletto, fu ispirata a Carlevarijs dai paesaggisti nordici che in quel periodo erano presenti in gran numero in vari centri della penisola. I colori chiari e sfumati della composizione, che evocano quelli di un’opera a pastello, rimandano piuttosto alla contemporanea produzione di Marco Ricci, suo corregionale.
Capriccio italiano
I percorsi tematici associati