Salta al contenuto
Giò Pomodoro, T Verticale - Orizzontale
Tipologia
Scultura
Soggetto
Astratto
 
 
 
Cronologia
1973
Materia e tecnica
Bronzo patinato
 
 
 
Misure
cm 117 x 97,5 x 34,5
Compilatore
Augusta Monferini
 
 
 
Descrizione
L'opera è una versione in bronzo della scultura dello stesso anno e dallo stesso titolo, realizzata in pietra “serpentino nero Foresta”, per il governo di Unidad Popular del Cile. Anche questo esemplare, sebbene in altro materiale, conserva la struttura severa e compatta della scultura  in marmo. << Adesso - dice l'artista in una intervista del '73 - scavo una massa di materia dura, difficile da lavorare il cui risultato si vede soltanto  dopo un lungo periodo di tempo e di lavoro. Ho scoperto a Pietrasanta, sotto le Apuane, dove da sempre in Italia si lavora la pietra e il marmo, che questo  metodo di lavoro era quello che cercavo, perchè mi permette  il massimo della precisione, della riflessione, della aderenza tra le mie tensioni di pensiero e di intuito>>.
Il presente esemplare come il precedente è costruito in due blocchi verticali  che si affrontano. Uno è scandito in elementi rigidi e geometrici   sviluppati verso l'alto con  una parte leggermente convessa che fuoriesce  dall'asse verticale del blocco come un leggero gonfiore. L'altro corpo  contrapposto, offre invece al suo interno una parte concava che si riallaccia al tema delle impronte in negativo. In Giò la componente mentale e concettuale si fa sempre più pronunciata nelle opere ultime, come in  questa serie di sculture degli anni Settanta, dedicata alla ricerca di forme primarie ed essenziali. 
T Verticale - Orizzontale
I percorsi tematici associati