Salta al contenuto
Giacomo Balla, Autoritratto
Tipologia
Dipinto
Soggetto
Ritratto
 
 
 
Cronologia
1902
Materia e tecnica
Olio su tela
 
 
 
Misure
cm 59 x 43,5
Compilatore
Augusta Monferini
 
 
 
Descrizione
Prima dell'adesione al Futurismo, Giacomo Balla praticava una pittura postimpressionista, aggiornata secondo i modi di un personalissimo divisionismo. Questo Autoritratto del  1902 è un capolavoro che documenta  bene le ricerche dell'artista a questa data: il tessuto pittorico è composto da pennellate frantumate e dinamiche, ora filamentose “all'italiana”, ora più influenzate  dal puntinismo francese, comunque dotate di una loro profonda originalità e vivacità. La trama pittorica, fitta e incrociata crea una fusione tra la figura del pittore e lo sfondo; il disegno scompare, riassorbito in questa matassa di segni colorati; la forma è dissolta nel groviglio dell' impasto che respira e, come fermentato, pulsa nella luce che lo investe; l'andamento della luce anima le forme, come sfiorandole dall'alto; la figura si affaccia, leggermente obliqua, nel riquadro della tela con un taglio di natura fotografica, che conferisce immediatezza e intensità di presenza all'immagine. Il busto si staglia su una parete tinteggiata a larghe bande di colore che si alternano nel fondo in un tremolio di piccole macchie fuse in un unica tonalità dominate. Gli occhi pur integrandosi al contesto pittorico che li assimila al proprio magma, risaltano con la vivacità di uno sguardo penetrante che fissa l'osservatore e “buca” lo schermo della tela, come oggi si dice a proposito di quello televisivo.
Autoritratto
I percorsi tematici associati