Salta al contenuto
Manifattura francese, La Battaglia d’Arbela
Tipologia
Arazzo
Soggetto
Biblico - Storico - Mitologico
 
 
 
Cronologia
1680 - 1690
Materia e tecnica
Lana e seta
 
 
 
Misure
cm 275 x 320
Compilatore
Alessandro Zuccari
 
 
 
Descrizione
È uno dei sei arazzi dedicati alle vicende di Alessandro Magno, probabilmente realizzati tra il 1680 e il 1690 nella manifattura della città di Felletin. Rappresenta il celebre scontro del 331 a. C. tra il sovrano macedone e Dario III, solitamente ricordato come battaglia di Arbela ma in realtà avvenuto nella piana di Gaugamela. Con questa vittoria Alessandro riuscì ad annettere la Persia e l’Oriente al proprio sconfinato impero.
Questo elemento tessile, derivato dalla serie di undici arazzi progettati Charles Le Brun, presenta una riduzione compositiva rispetto alla sua fonte: tralasciato il particolare dell’aquila che incorona il macedone, la scena è incentrata su un particolare della battaglia, con i soldati greci che atterrano e uccidono i persiani. In secondo piano compare la slanciata figura di Alessandro a cavallo. La vasta composizione, eseguita su commissione di Luigi XIV, fu ispirata all’analogo dipinto di Pietro da Cortona (oggi nella Pinacoteca Capitolina), che Le Brun aveva potuto ammirare, forse non ancora compiuto, durante il soggiorno italiano tra il 1642 ed il 1646. Il ricco bordo decorativo mostra un complesso intreccio di armi, bandiere, trombe e tamburi da guerra che ricorre in tutti i pezzi della serie e in un’altra versione dell’arazzo conservata a Colmar, nel Museo d’Unterlinden.
La Battaglia d’Arbela
I percorsi tematici associati