Salta al contenuto
Giuseppe Bartolomeo Chiari, Adorazione dei Magi
Tipologia
Dipinto
Soggetto
Religioso
 
 
 
Cronologia
fine del XVII secolo
Materia e tecnica
Olio su tela
 
 
 
Misure
cm 122 x 95
Compilatore
Alessandro Zuccari
 
 
 
Descrizione
La tela, notevole esempio dell’arte di Chiari, raffigura l’Adorazione dei Magi conferendo all’episodio evangelico elementi tratti dalle fonti apocrife: i saggi giunti da Oriente sembrano infatti identificati con Melchiorre re dei Persiani, Baldassarre re dell’India e Gaspare re d’Arabia. Essi recano in dono oro, incenso e mirra in omaggio alla regalità, alla divinità e all’umanità del Bambino di Betlemme. Il primo, per venerare il Salvatore, ha deposto in terra la corona e lo scettro. Più in dietro, una moltitudine di personaggi assiste alla scena, mentre la stella, che appare in alto, indica ai Magi il luogo dell’evento. Sul fondo, le rovine di grandiosi edifici classici simboleggiano la decadenza della civiltà antica che l’incarnazione del Cristo è venuta a rinnovare.
Pittore di elevata impostazione accademica, Chiari formò il proprio stile sull’esempio di grandi esponenti del classicismo seicentesco, come Andrea Sacchi e Guido Reni, e trovò nell’insegnamento di Carlo Maratta un solido punto di riferimento. La composizione delle figure, studiata e armoniosa, si abbina a una notevole ricercatezza cromatica per giungere a un accorto amalgama di classica solennità ed estro barocco. Il soggetto del dipinto, replicato più volte dall’artista romano, trova un felice termine di paragone nell’esemplare della Gemäldegalerie di Berlino.
Adorazione dei Magi
I percorsi tematici associati