Salta al contenuto
Consalvo Carelli, Paesaggio fluviale con caseggiati e lavandaie
Tipologia
Dipinto
Soggetto
Paesaggio
 
 
 
Cronologia
1838
Materia e tecnica
Olio su tela
 
 
 
Misure
cm 35 x 45
Compilatore
Antonio Del Guercio
 
 
 
Descrizione
Opera della fine degli anni Trenta dell’Ottocento, dunque ancora di fase giovanile durante il soggiorno romano, questo Paesaggio fluviale presenta una soluzione che collega due ispirazioni: le nuove idee d’uno sguardo diretto al paesaggio e l’allestimento – in qualche modo scenico – d’una composizione che mira a soddisfare un più tradizionale senso d’armonia.
Vero è d’altra parte che il roccione che, sulla sinistra del dipinto, si eleva a squilibrare la composizione testimonia d’una adesione già evidente alle concezioni della nuova pittura che tra Napoli e Roma – grazie allo stimolo degli artisti stranieri, inglesi e francesi – sospinge ad andare al di là degli equilibri compositivi tradizionali.
 Questo Paesaggio fluviale costituisce una testimonianza significativa dei passi compiuti dalla pittura napoletana, nello strato generazionale immediatamente successivo a quello del rinnovatore Giacinto Gigante, sulla via dell’elaborazione dei propri caratteri specifici.
Paesaggio fluviale con caseggiati e lavandaie
I percorsi tematici associati