Salta al contenuto
Francesco Trombadori, Paesaggio laziale
Tipologia
Dipinto
Soggetto
Paesaggio
 
 
 
Cronologia
1935
Materia e tecnica
Olio su tela
 
 
 
Misure
cm 50 x 60
Compilatore
Antonio Del Guercio
 
 
 
Descrizione
Il Paesaggio laziale di Francesco Trombadori, del 1935,  è articolato secondo un principio di classica, ordinata, semplicità: dal primo piano del quadro, la strada sembra allontanarsi lentamente verso lo sfondo quasi del tutto chiuso dagli alberi.
Come nelle opere dell’amico e sodale Antonio Donghi, anche qui prende forma un tema di silenzio e d’immobilità, d’assenza d’ogni umana attiva presenza. Il tema è svolto tuttavia con minore impassibilità, e con una lieve vibrazione tonalistica del colore nella luce.
L’opera è degli anni centrali dell’attività di Trombadori, ossia della piena e definitiva maturità dell’artista, quando egli raggiunge la propria soluzione del tema espressivo che segna la sua intera carriera: la conciliazione, lungamente e tenacemente proseguita, fra gli apporti dell’arte moderna, che egli riconosce soprattutto nella fase dall’impressionismo a Cézanne, e la ricerca d’una sorta di stabilità classica dell’immagine.
Si tratta, dal suo punto di vista, di sottrarre l’arte a quanto, nelle più avanzate proposte moderne e contemporanee, gli appare quasi precario, effimero. Di qui un rifiuto delle tendenze più aperte alla  sperimentazione di forme nuove, e la ricerca d’una sorta di pacificato equilibrio culturale.
Paesaggio laziale
I percorsi tematici associati