Salta al contenuto

Jan Mostaert (Haarlem 1475 - Haarlem? 1555-1556)

Nato a Haarlem attorno al 1475 da nobile famiglia e formatosi presso il pittore locale Jacob von Haarlem, Jan Mostaert è documentato a partire dal 1500, quando gli fu commissionata la decorazione del reliquiario di S. Bavone nella Groote Kerk di Haarlem; a partire dal 1502 e sino al 1549 egli è documentato iscritto nella locale gilda di S. Luca, di cui fu decano la prima volta nel 1507.
Dapprima vicino alla rigida pittura di Geerten tot Sint Jans, si avvicinò successivamente allo stile più raffinato di Joachim Patinir, tantoché alcune opere dei due maestri sono difficilmente distinguibili. Nel 1518 Margherita d’Austria, residente a Malines, nominò Mostaert ‘peintre d’honneur’; secondo il noto biografo Karel van Mander, egli rimase al servizio di Margherita per diciotto anni. L’ultimo documento lo attesta ancora vivo ed attivo nel 1549 ed è probabile che sia morto nella sua città natale tra il 1555 ed il 1556.
Grande paesaggista e ritrattista tra i più celebri della sua epoca, Mostaert è oggi conosciuto particolarmente per il Paesaggio delle Indie Occidentali (Haarlem, Frans Hals Museum), vasta composizione databile al 1545 ca. e costituente la prima veduta, seppur fantastica, del Nuovo Mondo, realizzata sulla base delle varie notizie sul nuovo continente che egli aveva potuto raccogliere stando alla corte di Margherita d’Austria.


Alessandro Zuccari